A palpebre ben aperte.

La blefaroplastica del presidente del consiglio riapre a mio parere una questione: quella del rapporto tra fotogenia e rappresentatività. Sbaglierebbe chi pensasse che la questione sia irrilevante e anodina, al contrario è subdolamente centrale.
L’immagine del candidato, dell’uomo di vertice, diventa il contenitore di tutto ciò che “in praesentia” sono idee e programmi, ed istituisce un clima fisico, tangibile, tra l’astrazione degli ideali programmati, e la realtà pura e semplice di un uomo in carne e ossa; perché è con esso, ben diversamente che con gli ideali, che ci si può al limite identificare (mentre gli ideali rimangono nelle nuvole e non sempre l’uomo ha voglia di guardare in cielo).
E, in una contemporaneità nella quale gli ideali sono uccel di bosco, ciò che resta, è solamente il contenitore fisico, l’organismo da sartoria, l’uomo di gomma, l’automa ricambiabile, insomma il condensato di una politica fisiognomizzata.
Così Berlusconi con le sue palpebre nuove ci dice, previ occhieggiamenti scaltri, chi lui è, cosa rappresenta e cosa si aspetta da noi. C’è una tremenda differenza tra le idee e le non idee: le prime possono essere fraintese le seconde no; le prime possono essere ribaltate in antonimi, le seconde no.
Il programma di Berlusconi è nella sua immagine, palpebre comprese. Il suo riso, modello gatto di Chelsire, chissà quanti smalti e dentisti ha conosciuto, e così via.
Questa politica, la politica berlusconiana è una shoap-opera talmente squallida da essere invidiabile, tutta costruita com’è su tali artificii da set. Cose che rimangono però in un pubblico che ha smesso di pensare ma non di guardare.

A palpebre ben aperte.ultima modifica: 2004-01-19T21:38:41+01:00da manjk
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “A palpebre ben aperte.

  1. ma stai tranquillo e dimmi cioè dimostratmi o dimostra che c’è di male a farsi un lifting…la gente comune si fa i lifting? credo di si…quindi di conseguenza il presidente del consiglio che alla fine mangia e caga come noi…non se lo può fare…perchè.. .perchè è presidente del consiglio…o perchè non è una persona comune? o è una persona come noi che ricopre una carica ? mancanza di logica…mancan za di ragionamento paradossi…ma beato lui che se lo può permettere e noi no si vede che abbiamo lavorato o rubato meno ma lui se lo può permettere e noi no…il fatto è questo…back off and shame on u man

  2. oh io sono m e mi piace la figa…..ma comunque secondo me Berlusconi rimane un tappetto grasso e pelato….che è il contrario della bellezza…se la tua tesi è vera allora raul bova sarebbe un buon candidato…pro ssimo candidato per forza italia sarà raul bova…vai a lavorare invece di scioperare e scrivere post…va va

Lascia un commento